Piatto D’AutorePremio Nazionale Giornalistico Gastronomico

Il progetto Piatto d’Autore Premio Nazionale Giornalistico Gastronomico nasce nel 2005 da un’idea di Grazia Saporiti, titolare di CM Comunicazione, per coinvolgere giornalisti di media nazionali e internazionali in un’originale gara culinaria dal vivo. L’intento è quello di avvicinarli al territorio italiano, alle sue risorse agroalimentari e culturali, oltre che alle tradizioni e agli stili di vita.

Il Premio si ripete ogni anno, alternativamente a Milano e Roma, nelle più belle location, con un leitmotiv diverso: dal Food Design al Made in Italy, da Cibo&Cinema a 150 anni di Gusto Italiano. Durante l’elegante cena di gala con sfida ai fornelli, si decreta il giornalista vincitore che si aggiudica l’ambitissimo premio La Pentola D’Oro di Baldassarre Agnelli.

Ogni edizione vede anche la partecipazione di importanti chef stellati presenti in giuria o quali coordinatori dei giornalisti che gareggiano. Anche numerose e importanti aziende del panorama imprenditoriale italiano e internazionale partecipano quali partner della manifestazione. In queste prime sei edizioni del Premio Nazionale Giornalistico Gastronomico hanno gareggiato oltre 60 giornalisti e 500 sono stati ospiti nelle diverse cene di gala.

Sin dal primo anno, il progetto Piatto d’Autore ha coinvolto anche il pubblico che sempre più ama dilettarsi “in cucina” o ambisce a divenire provetto cuoco. Ed ecco qui Promessi cuochi, gara on line tramite cui poter inviare la propria ricetta inedita e provare a vincere kit di pentole professionali del Gruppo Agnelli e fantastici week end in giro per l’Italia.

La manifestazione, molto apprezzata dai rappresentanti dei media e dagli operatori del settore, oltre al primario obiettivo di promuovere la cultura enogastronomica di qualità, ha anche un fine sociale: parte dei proventi della serata vengono infatti devoluti in beneficenza.

Galleria

Video

Piatto d’Autore 2008 Cibo & Cinema

Per la IV edizione, il Premio Giornalistico Gastronomico ideato da Grazia Saporiti, ha scelto di raccontare 60 anni di cinema italiano a tavola.

Lavori