La Maremma tra le destinazioni più scelte dai turisti di tutto il mondo E Legambiente rilancia sull’eco sostenibilità

CM COMUNICAZIONE | La Maremma tra le destinazioni più scelte dai turisti di tutto il mondo

L’Inghilterra promuove le bellezze della Maremma, piazzandola tra le 40 big del turismo mondiale pubblicate sul quotidiano nazionale The Guardian.

Legambiente Turismo – con Angelo Gentili, responsabile nazionale – propone la creazione di un distretto del turismo sostenibile che generi anche posti di lavoro, proprio partendo da una terra come la Maremma, unica per la sua natura selvaggia.

E così afferma: «Oggi più che mai è fondamentale puntare sulla Bellezza, per la conservazione del paesaggio, della natura, dei beni storici e della cultura della nostra terra. Su queste basi dobbiamo rilanciare il turismo ambientale, puntando sull’enorme potenziale che la provincia di Grosseto offre, moltiplicando in maniera consapevole i flussi turistici per trasformarla in un vero e proprio distretto del turismo a basso impatto ambientale».

La Maremma è quindi candidata a divenire una vera e propria oasi dell’eco sostenibilità, cosa che ne accrescerà ancor più il suo consolidato appeal.

Il passo successivo, per Gentili, sono i progetti concreti, volti a rilanciare anche l’economia: «Legambiente investe fortemente sul territorio maremmano e sulle sue bellezze per promuovere un processo di trasformazione che punti alla sostenibilità, alla tutela del patrimonio storico e paesaggistico, all’innovazione tecnologica. Il nostro impegno è fortemente intrecciato, oltre che con la tutela ambientale, con la qualità culturale dei territori e con un forte rapporto con i luoghi e le persone che li abitano. La scommessa che dobbiamo vincere è quella di far diventare la Maremma un’area privilegiata per il turismo legato alla natura e ai parchi, che devono diventare un laboratorio internazionale per creare occupazione, green economy e conservare allo stesso tempo il territorio. Infatti la Maremma più rimane incontaminata e selvaggia, più è turisticamente attrattiva».