“Il cibo immaginario” al Palazzo delle Esposizioni di Roma Una mostra che racconta il cibo e l’Italia attraverso l’iconografia pubblicitaria

8754c61b1adee531e693b3bf423a7990

Dal 3 dicembre 2013 al 6 gennaio 2014, Roma ospita “Il cibo immaginario 1950-1970. Pubblicità e immagini dell’Italia a Tavola”, la mostra ideata e curata da Marco Panella e prodotta da Artix in collaborazione con Coca-Cola Italia, Gruppo Cremonini e Montana, che racconta vent’anni di vita e costume italiani attraverso iconografia, stili e linguaggi della pubblicità del cibo e dei riti del mangiare.

Oltre 300 immagini per una suggestiva storia visiva che mette in mostra l’evoluzione dei paradigmi della comunicazione in Italia attraverso il tema sempre più attuale del cibo. Un percorso emozionale che ci farà rivivere in un’Italia che camminava verso la modernità e sorrideva davanti alle pagine dei rotocalchi, testate con milioni di copie vendute a settimana che offrivano ai lettori una straordinaria sintesi tra informazione e lettura popolare d’evasione.

Barilla-maccherone

Dodici temi organizzano il materiale in mostra:  dall’Italia che cambia il suo paesaggio  domestico con nuove forme, oggetti e colori  all’Italia dei baby boomer, dall’Italia del tempo  libero all’Italia degli intenditori, dall’Italia che  sogna con i concorsi a premio all’Italia che scopre il risparmio e le offerte speciali,  dall’Italia che seduce all’Italia in famiglia e, in ultimo, a fine percorso, 28 fotografie  restituiscono l’immagine dal vivo di com’era l’Italia alla quale quelle pubblicità  parlavano e che, anche attraverso quelle pubblicità, sognava il suo futuro.

Interessante osservare i numerosi e diversi stili di questi antesignani di grafici e pubblicitari, che con la loro creatività hanno saputo inventare linguaggi e suscitare emozioni, ancora pulsanti nel nostro nostalgico immaginario…